Valutazione Media Operatori Fonicap 17 Voti (4.53/5)

Fonicap: statuto

Art.1) E' costituita una Associazione denominata F.O.N.I.CA.P. "FORZA OPERATIVA NAZIONALE INTERDISCIPLINARE CONTRO IL CANCRO DEL POLMONE"

Art.2) L'associazione ha sede presso la Segreteria, (attualmente sita in Roma presso la 6a Unità Operativa dell'Ospedale C. Forlanini, via Portuense 332 – 00149 Roma). La durata è stabilita in anni dieci, a far tempo dalla sua legale costituzione e potrà essere prorogata od anticipatamente sciolta con delibera dell'Assemblea degli Associati.

Art.3) L'Associazione, che non è a fini di lucro, ha lo scopo di:

svolgere attività di studio e ricerca su: epidemiologia, prevenzione primaria e secondaria, eziopatogenesi, patologia, clinica e terapia e follow up, a livello interdisciplinare, sul cancro del polmone e sui tumori del torace e sulle patologie ad essi correlate, nonchè di organizzazione territoriale. Inoltre, di pubblicare periodicamente, compatibilmente con le risorse finanziarie disponibili, protocolli di aggiornamento sullo stato dell'arte degli argomenti di cui sopra, organizzare convegni e/o congressi e corsi di aggiornamento;

promuovere ricerche di base o cliniche che potranno essere svolte con Enti o Istituzioni Scientifiche pubbliche o private, fruendo eventualmente di borse di studio, anche straniere, o finanziamenti ad hoc da soggetti terzi;

Creare rapporti con quelle associazioni scientifiche, enti finanziari e/o Istituti di credito di ricerca, ministeri, che possano di volta in volta finanziare la F.O.N.I.CA.P. nei suoi intenti.

Per lo sviluppo dell'attività predetta l'Associazione potrà contrarre rapporto di collaborazione e promuovere contratti costruttivi con Enti ed Associazioni pubbliche e private, aventi scopo affine o analogo al proprio sia italiani che stranieri. L'Associazione potrà avvantaggiarsi occasionalmente di raccolte pubbliche di fondi in concomitanza di celebrazioni e manifestazioni in genere. L'Associazione potrà inoltre effettuare tutte le operazioni mobiliari, immobiliari e finanziarie utili al raggiungimento degli scopi associativi.

Art.4) Il patrimonio sociale è costituito:

dalle quote di iscrizione e dalle quote annuali;

da eredità, lasciti, donazioni, contributi finanziari e da fondi comuni comunque pervenuti;

da contributi assicurati dallo Stato, dalle Regioni, dai Comuni, nonchè da altri Enti Pubblici e privati;

dal fondo riserva.

Art.5) Sono membri dell'Associazione quanti ne facciano richiesta con le modalità che saranno stabilite dal Consiglio Direttivo. La richiesta può essere avanzata da chiunque, senza distinzione di sesso, razza, nazionalità o fede politica.

Art.6) Associati: possono far parte dell'Associazione le persone fisiche e/o Enti che per la loro attività di lavoro o di studio siano interessati all'attività dell'Associazione stessa. Gli associati saranno distinti in tre categorie:

Soci Fondatori;

Soci Onorari;

Soci Ordinari

Art. 7) I Soci Fondatori sono i promotori e coloro che hanno contribuito con il loro apporto morale e materiale alla realizzazione dell'Associazione. Sono soci onorari coloro che per particolari benemerenze saranno così qualificati dal Consiglio Direttivo. Sono soci ordinari quanti ne facciano richiesta e in regola con le quote sociali.

Art.8) La quota di iscrizione e la quota annuale dei soci saranno stabilite dal Consiglio Direttivo di anno in anno.

Art.9) Coloro che aspirano a diventare Soci ordinari, devono farne domanda scritta al Consiglio Direttivo sottoscritta da due soci tra quelli ordinari, onorari, fondatori. Sull'ammissione o meno dell'aspirante associato decide il Consiglio Direttivo. Tutti gli associati verranno scritti in un apposito registro custodito presso la sede dell'Associazione.

Art.10) Gli Associati che violano le norme statutarie o quelle del Regolamento interno, ove realizzato, oppure tengano un contegno non conforme ai fini ed all'ambiente dell'Associazione, incorrono nella perdita della loro qualità di associato, eventualmente previa diffida scritta fatta dal Presidente a nome del Consiglio Direttivo.

Art.11) La qualità di Associato inoltre si perde:

per dimissioni presentate al Consiglio Direttivo;

per interdizione, condanna penale infamante dell'Associato, passata in giudicato;

per espulsione decisa per gravi motivi dal Consiglio Direttivo, giustificata da delibera dello stesso organo;

per violazione recidiva delle norme del presente Statuto ed a quelle del regolamento interno;

per morosità nel pagamento delle quote, previa intimazione scritta del Consigliere Tesoriere.

Art.12) L'esercizio finanziario ha inizio il primo gennaio e termina il trentuno dicembre di ogni anno. Il primo esercizio si chiuderà il Il bilancio annuale, approvato dal Consiglio Direttivo, deve essere depositato presso la Segreteria venti giorni prima dell'Assemblea dei Soci.

Art. 13) Sono organi della Associazione:

l'Assemblea dei Soci;

il Consiglio Direttivo

il Presidente

il Segretario Generale

Art. 14) L'Assemblea è costituita dai soci fondatori, dai soci onorari, dai soci ordinari in regola con la quota associativa.

Art.15) L'Assemblea Generale:

approva il bilancio annuale

delibera le modifiche dello statuto e lo scioglimento dell'Associazione stessa, nomina il liquidatore o i liquidatori;

elegge i membri del Consiglio Direttivo a scrutinio segreto. In assemblea ogni socio ha diritto ad un voto e può partecipare all'Assemblea solo se risulta in regola con il pagamento delle quote associative; è ammessa la partecipazione all'Assemblea mediante delega scritta, ma ciascun socio non può rappresentare più di un socio.

La convocazione dell'Assemblea è fatta dal Presidente con avviso fatto pervenire o inviato almeno quindici giorni prima di quello fissato per la riunione e con l'indicazione degli argomenti all'ordine del giorno. In caso di impedimento dal Presidente, il Vice-Presidente può convocare la riunione. L' Assemblea può essere convocata, su richiesta esplicita motivata al Presidente, da parte di almeno 8 Consiglieri o del 30% degli Associati.

Le eventuali modifiche dell'atto costitutivo e dello statuto debbono essere adottate quando sono presenti almeno la metà degli associati e le deliberazioni sono prese con la maggioranza dei presenti; le stesse modalità sono valide anche per la seconda convocazione, indipendentemente dal numero dei presenti.

Art.16) Nelle assemblee, ogni membro ha diritto ad un voto. Ciascun associato non ha voto nelle delibere che investono il suo singolo interesse.

Art.17) L'Assemblea è presieduta dal Presidente del Consiglio Direttivo - che chiama un componente a fungere da Segretario per la stesura del processo verbale. I processi verbali dell'assemblea sono sottoscritti dal Presidente e dal Segretario della seduta.

Art.18) Il Consiglio Direttivo è composto da tredici membri, compreso il past-president Il Consiglio Direttivo elegge, nel suo seno, il Presidente, il VicePresidente, il Segretario Generale, il Tesoriere. Dura in carica un triennio e ogni singolo membro può essere eletto solo una volta nella stessa carica tranne il Segretario ed il Tesoriere, che possono essere rieletti. Le cariche non prevedono alcun emolumento e l'impegno è prestato a titolo esclusivamente gratuito. Il Consiglio Direttivo è organo esecutivo delle volontà dell'Assemblea e svolge tutte le attività amministrative ed organizzative delegategli da questa. Le riunioni del Consiglio sono valide con la presenza della maggioranza di tutti i suoi membri, le relative delibere saranno adottate col voto del 50% dei presenti, in caso di parità, il voto del Presidente sarà considerato doppio.

Art.19) Il Presidente rappresenta ufficialmente e legalmente l'Associazione ed è delegato a manifestare la volontà della stessa nei confronti dei terzi. Egli dirige l'Associazione, d'intesa con il Consiglio Direttivo, in caso di assenza o di impedimento è sostituito dal Vice Presidente.

Art.20) Il fondo comune è amministrato dal Consigliere Tesoriere, che redigerà il bilancio associativo, per conto del Consiglio Direttivo.

Art.21) In caso di scioglimento dell'Associazione, gli eventuali attivi di bilancio che residuano, dovranno essere devoluti ad associazione che persegue fini analoghi.

Art.22) Per quanto non previsto nello Statuto e nell'atto costitutivo, si rinvia a quanto disposto dal Codice Civile per le Associazioni non riconosciute che non perseguono fini di lucro.

Roma, 12 settembre 2002

Depositato in Roma all'atto della fondazione (Serena Caimmi, Notaio in Roma Rep. N. 39.464 Raccolta n. 5.933) il 1 ottobre 2002 presso l'Ufficio Atti Pubblici.

Modificato il 10 settembre 2004 in Roma