Esecuzione log-out: attendere prego...
E-mail non verificata:
registrarsi
associarsi
donazioni
fondazione

NEWSLETTER FONICAP

2017
 09-10-2017 - Terapia di mantenimento del Microcitoma polmonare con la Lanreotide ad alte dosi
 14-09-2017 - DACOMITINIB
 01-08-2017 - XIII Congresso Nazionale FONICAP
 27-07-2017 - Finalmente dal 20 luglio l'immunoterapia in prima linea disponibile per i pazienti italiani

NEWS

2016 L’FDA ha approvato Alecensa, una nuova terapia orale, per il trattamento del tumore del polmone non-a-piccole cellule ALK-positivo
Giotrif per il carcinoma polmonare a cellule squamose, approvato nell’Unione Europea
Tumore del polmone non a piccole cellule avanzato, l’FDA ha approvato Keytruda per i pazienti i cui tumori esprimono PD-L1
Carcinoma del polmone non-a-piccole cellule non-squamoso: approvato Opdivo nell’Unione Europea
Opdivo associato a un beneficio di sopravvivenza nel tumore del polmone non-a-piccole cellule squamoso e non-squamoso, l’FDA ha ampliato le indicazioni d’uso
L’FDA ha approvato Tagrisso per il trattamento del carcinoma polmonare non-a-piccole cellule avanzato con mutazione T790M in EGFR

2015  ottobre 2015 - 16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights - a cura di Diego CORTINOVIS
 luglio 2015 - Report ASCO 2015 - a cura di Diego CORTINOVIS
 giugno 2015 - Risultati CheckMate 017 - a cura di Antonio RUSSO

2014  settembre 2014 - La lobectomia polmonare in VATS - a cura di Gaetano DI RIENZO
 luglio 2014 - Report ASCO 2014 - a cura di Giovenzio GENESTRETI

RASSEGNA STAMPA

 L'Adige - 09/02/2015 - Ricerca scientifica in stallo "rifomare ruoli dei Comitati Etici"
 Panorama Sanità - 06/02/2015 - Ricerca scientifica in stallo per sovrapposizione compiti dei Comitati Etici"

Chirurgia toracica

La lobectomia polmonare in VATS

Download del report I trimestre

La lobectomia polmonare in VATS (VATS è l’acronimo di Video Assisted Thoracic Surgery, chirurgia toracica video assistita) è un intervento di chirurgia toracica mini-invasiva, che viene eseguito senza aprire il torace con il divaricatore costale.
L’intervento viene eseguito in anestesia generale, con tubo a doppio lume per ventilazione mono-polmonare, e segue i criteri generali degli interventi video-assistiti, cioè con l’ausilio di una ottica collegata ad una telecamera che trasmette su un monitor le immagini intra-toraciche.
In particolare utilizziamo un accesso cosiddetto biportale: una incisione di 1-2 cm al 7° spazio intercostale sulla linea ascellare media e un’incisione di 5 cm lateralmente alla mammella. Attraverso queste due incisioni, senza utilizzare il divaricatore costale che si usa in chirurgia a cielo aperto tradizionale, si inseriscono l’ottica e gli strumenti necessari per condurre l’intervento: forbici, pinze, suturatici meccaniche che tagliano e suturano automaticamente vasi, bronchi e tessuto polmonare, e quant’altro necessario per condurre correttamente l’intervento chirurgico.
Alla fine dell’intervento il lobo viene estratto dopo essere stato inserito in un apposito sacchetto di plastica che si richiude su se stesso in maniera che non si abbiano contatti del lobo asportato con la parete cutanea e muscolare.
Il mancato utilizzo del divaricatore costale fa sì che il paziente presenta un dolore post-operatorio molto inferiore rispetto all’intervento chirurgico tradizionale, quindi necessita di un ridotto apporto di farmaci antidolorifici, ha una mobilizzazione più precoce ed è normalmente in condizione di ritornare a casa dopo 3-4 giorni in media dall’intervento, in condizioni decisamente migliori rispetto all’intervento tradizionale.
Si può eseguire questo tipo di intervento in tutti i pazienti?
Purtroppo no. L’indicazione è riservata ai tumori di piccole dimensioni (I° stadio) e a patologie anche non tumorali in cui sia indicata l’asportazione di un lobo polmonare.
E’ bene chiarire che, nel trattamento dei tumori polmonari al I° stadio, l’intervento di VATS lobectomia offre la stessa radicalità dell’intervento a cielo aperto: infatti la tecnica chirurgica è estremamente meticolosa, i tessuti vengono dissecati e sezionati in maniera corretta, si usano suturatrici meccaniche tecnologicamente all’avanguardia, e viene eseguita una linfadenectomia dello stesso tipo di quella usata a cielo aperto.
Quindi in ultima analisi, stessi risultati rispetto alla tecnica tradizionale ma con invasività decisamente minore.
La tecnica della VATS lobectomia è stata messa a punto intorno al 1992-93 dal prof. Roviaro di Milano e portata avanti soprattutto negli Stati Uniti (McKenna di Los Angeles è stato ed è uno dei chirurghi con maggiore esperienza in VATS). La tecnica per circa 15 anni non ha avuto molto successo in Europa mentre negli USA è stata usata solo in alcuni Centri. Vi erano perplessità soprattutto legate ad una scarsa dimestichezza con la tecnica videotoracoscopica, che non è semplice e provoca tempi operatori più lunghi, specie all’inizio dell’esperienza.
Negli ultimi 10 anni si è assistito a un vero e proprio “boom” mondiale di questa tecnica. I report riguardanti l’esperienza ormai consolidata di vari Centri, soprattutto americani e asiatici, hanno dimostrato l’affidabilità della tecnica in termini di sopravvivenza (parliamo sempre di pazienti affetti da tumore polmonare, anche se al I° stadio) e di qualità di vita.
Per quanto riguarda l’esperienza dell’U.O. di Chirurgia Toracica del “Fazzi” di Lecce, nel maggio 2012 ho deciso di iniziare questo programma di VATS lobectomie, dopo aver constatato che la letteratura internazionale riportava continuamente esperienze del tutto positive a lungo termine in Centri prestigiosi in Europa, USA e Asia. Abbiamo cominciato con pazienza, entusiasmo e dedizione ad affrontare questa tecnica, che, per noi esperti in chirurgia open tradizionale, è decisamente più noiosa, difficile e stressante rispetto alla chirurgia a cielo aperto. Ho organizzato un team di chirurghi dediti a questo tipo di chirurgia, composto da me, dai dottori Corrado Surrente e Camillo Lopez. Ci siamo anche recati a seguire questo tipo di interventi in Centri che avevano già esperienze consolidate quali Innsbruck, La Coruña e Amburgo.
I nostri risultati sono positivi. Al momento abbiamo eseguito 123 VATS lobectomie a partire da Maggio 2012, con ottimi risultati per i nostri pazienti.
Dal 1° Gennaio 2014 è attivo il Registro Nazionale delle VATS lobectomie (per quanto mi risulta è un’esperienza del tutto unica in Europa), che è un data base che raccoglie tutti gli aspetti di tecnica, clinica e patologia di questi pazienti. Afferiscono a questo Centro praticamente tutte le Chirurgie Toraciche Italiane.
Secondo l’ultimo report di attività inviatoci dal Registro, Lecce è la seconda in Italia come numero di pazienti trattati, unica in Puglia (v. allegato).

Informazioni

Per chi volesse maggiori informazioni, ci si può rivolgere all’U.O. Chirurgia Toracica telefonicamente o per via mail:

chirurgiatoracica.polecce@ausl.le.it
gaetanodirienzo1@gmail.com
sito web: www.chirurgiatoracicalecce.it
quadrangolare-2018 rassegna-stampa

luce
fad-072016
fad-062016

Nazionale di calcio Fonicap

nazionale-gallery-1
dottnet
I soci Fonicap e gli utenti interessati ai servizi riservati possono effettuare la procedura di registrazione cliccando su "registrazione utenti".
help-download
Per contattare la segreteria Fonicap oppure il web-master per comunicazioni tecniche cliccare su "Contattaci".
cerca_sul_territorio
Google map
La mappa riporta gli operatori Fonicap attualmente registrati e distribuiti nel territorio italiano.
Per effettuare una selezione per categoria professionale e posizione geografica e per consultare la scheda individuale di medici e operatori Fonicap accedere all'area "Medici e operatori" (accedi).
Tutti gli eventi e relative presentazioni
area-convegni
Prossimi eventi
Patrocinio Fonicap
Info: cliccare su banner
roadmap-2018
Patrocinio Fonicap
Info: cliccare su banner
parma-novembre-2018
Eventi recenti
Patrocinio Fonicap
Info: cliccare su banner
reggio-calabria-2017
Patrocinio Fonicap
Info: cliccare su banner
bari-20171113
Congresso Fonicap
Info: cliccare su banner
xiii-congresso-fonicap-2017
Patrocinio Fonicap
Info: cliccare su banner
parma-20171206
Patrocinio Fonicap
Info: cliccare su banner
bolzano-dicembre-2017
Patrocinio Fonicap
Info: cliccare su banner
padova-20171215
Patrocinio Fonicap
Info: cliccare su banner
vicenza-20171011
Patrocinio Fonicap
Info: cliccare su banner
trento-20170925
Patrocinio Fonicap
Info: cliccare su banner
mirano-20170628
Notiziario Fonicap
21/01/2018
Lung Cancer Unit - ASST Spedali Civili di Brescia
E' stata istituita presso l'ASST Spedali Civili di Brescia una unità dedicata alla diagnosi tempestiva delle sospette neoplasie polmonari ed al rapido avvio dei pazienti alle terapie più appropriate previa valutazione multidisciplinare. La "Lung cancer Unit" è coordinata dal dr Alberto Caprioli della Divisione di Pneumologia. Afferiscono alla "Lung cancer Unit" varie discipline, oltre la Pneumologia, tra cui: la Chirurgia Toracica, l'Istituto del Radio, l'Oncologia Medica, l'Endoscopia Respiratoria, la Radiologia, la medicina Nucleare, l'Anatomia Patologica, la Biologia molecolare.
E' stata istituita presso l'ASST Spedali Civili di Brescia una unità dedicata alla diagnosi tempestiva delle sospette neoplasie polmonari ed al rapido avvio dei pazienti alle terapie più appropriate previa valutazione multidisciplinare. La "Lung(...continua)
26/06/2017
Organico
Aggiornato organico
Aggiornato organico
14/09/2015
GIOF Fondazione Cà Granda - Milano
Inserito organico GIOF
Inserito organico GIOF
14/07/2015
Attivato GIOF Vicenza
E' stato attivato il sito del GIOF Vicenza
E' stato attivato il sito del GIOF Vicenza
22/06/2015
Avviato GIOF
Inserito organigramma GIOF Rionero in Vulture
Inserito organigramma GIOF Rionero in Vulture